Ampeloterapia: dieta dell'uva

 

Tra gli alleati della tua salute e della tua bellezza spicca per le sue benefiche proprietà l'uva, un vero concentrato di sostanze preziose che regalano benessere.

Per ampeloterapia, conosciuta meglio come cura dell’uva, si intende quel periodo in cui questo frutto autunnale, viene introdotto con buccia e semi come alimento esclusivo, o quasi, della propria dieta. Senza dubbio l’ampeloterapia aiuta il nostro corpo a rimettersi in forma, ha proprietà ricostituenti, rinfrescanti, disintossicanti dell’intestino, combatte la dispepsia, le emorroidi, la calcolosi urinaria e delle vie biliari, attiva le funzioni epatiche, facilita la digestione ed aiuta le cellule a difendersi dai radicali liberi, così come altre possibili indicazioni sono il trattamento degli stati di stipsi (stitichezza), periodi di stress psicofisici, patologie reumatiche e gotta.

L’ampeloterapia è sempre stata praticata fin dall’antichità, dove erano già conosciute le molte virtù terapeutiche dell’uva.

La composizione eccellente dell’uva

L' uva è molto ricca di zuccheri direttamente assimilabili (glucosio, levulosio, mannosio); contiene inoltre acidi organici, sali minerali (potassio, ferro, fosforo, calcio, manganese, magnesio, iodio, silicio, cloro, arsenico), vitamine A, del gruppo B (in particolare la vitamina B1, B2 e PP) e C, tannini (nella buccia), polifenoli.

L'uva è ricca di proprietà salutari

È indicata in caso di anemia e affaticamento, uricemia e gotta, artrite, vene varicose, iperazotemia, malattie della pelle. L' uva ha proprietà antiossidanti, antivirali, grazie al contenuto di acido tannico e di fenolo, in grado di contrastare il virus dell'herpes simplex (applicazioni di succo d' uva o di mosto sulle labbra affette da herpes ne velocizzano la guarigione).

Tra le varie sostanze decantate dell’uva, abbiamo anche il resveratrolo che migliora la fluidità del sangue riducendo la tendenza delle piastrine ad aggregarsi, è un ottimo frutto antinfiammatorio e diminuisce il colesterolo. E’ anche ricco di polifenoli che sono antiossidanti naturali, tannini, diversi acidi tra cui acido tartarico, malico e citrico, oltre alla presenza di una grande quantità di acqua superiore all’80% del peso del frutto.

L'uva Risulta anche particolarmente utile in caso di stitichezza. Chi soffre di disturbi digestivi, dovrebbe mangiare gli acini d' uva senza buccia e semi. Deve essere consumata con moderazione in caso di diabete e obesità.

Gli acini ridotti in puré, applicati sulla pelle di viso e collo, hanno un'azione astringente e rivitalizzante.

Come si conserva?

L’uva si mantiene una decina di giorni, se conservata asciutta in cassette di legno, in un solo strato, in un luogo fresco e prefe-ribilmente al buio. In frigorifero, ad una temperatura di –1/0°C, dura anche qualche giorno in più. Per mantenere il gusto naturale degli acini, conviene mettere l’uva a temperatura ambiente almeno due ore prima del consumo.

 

Lunedì    

Colazione: 300 gr. d'uva

Spuntino: 300 gr. d'uva

Pranzo: 100 gr. di riso bollito con 1 cucchiaio di olio d’oliva

Merenda: 100 gr. d'uva

Cena: 400 gr. d'uva

Dopo cena: 300 gr. d'uva               

 

Martedì  

Colazione: 300 gr. d'uva

Spuntino: 300 gr. d'uva

Pranzo: 100 gr. di riso bollito con 1 cucchiaio di olio d’oliva    

Merenda: 300 gr. d'uva

Cena: 400 gr. d'uva

Dopo cena: 300 gr. d'uva          

 

Mercoledì

Colazione: 300 gr. d'uva 

Spuntino: 300 gr. d'uva  

Pranzo: 120 gr. di riso bollito con 1 cucchiaio di olio d’oliva

Merenda: 300 gr. d'uva

Cena: 400 gr. d'uva

Dopo cena: 300 gr. d'uva

 

Giovedì  

Colazione: 300 gr. d'uva

Spuntino: 350 gr. d'uva

Pranzo: 120 gr. di riso bollito con 1 cucchiaio di olio d’oliva

Merenda: 350 gr. d'uva

Cena: 400 gr. d'uva

Dopo cena: 300 gr. d'uva

 

Venerdì  

Colazione: 300 gr. d'uva

Spuntino: 350 gr. d'uva

Pranzo: 140 gr. di riso bollito con 1 cucchiaio di olio d’oliva

Merenda: 350 gr. d'uva

Cena: 400 gr. d'uva

Dopo cena: 300 gr. d'uva

 

Sabato  

Colazione: 300 gr. d'uva

Spuntino: 350 gr. d'uva

Pranzo: 120 gr. di riso bollito con 1 cucchiaio di olio d’oliva

Merenda: 350 gr. d'uva

Cena: 400 gr. d'uva

Dopo cena: 300 gr. d'uva

 

Domenica

Colazione: 300 gr. d'uva

Spuntino: 350 gr. d'uva

Pranzo: 120 gr. di riso bollito con 1 cucchiaio di olio d’oliva

Merenda: 350 gr. d'uva

Cena: 400 gr. d'uva

Dopo cena: 300 gr. d'uva

 

Rivolgiti ai nostri dietologi a Roma per ricevere una consulenza nutrizionale su misura per te!

Richiedici informazioni

1000 caratteri rimanenti