Dieta Iperuricemia

 

L'iperuricemia è un disturbo caratterizzato da un rialzo di acido urico circolante; tale rialzo può essere conseguente a un aumento della sua produzione, da una sua ridotta escrezione a livello renale oppure dalla concomitanza di entrambi i fattori.

 

DI COSA PARLIAMO?

Iperuricemia: aumento di acido urico nel sangue oltre i valori ritenuti fisiologici ( uomo 4-7 mg/100 ml, donna 3-6,5 mg/100 ml), dovuto a iperproduzione e/o ridotta escrezione, che caratterizza la gotta.

Acido urico: acido cristallizzabile, prodotto finale del metabolismo delle purine.

Purine: composti cristallini, nucleo fondamentale delle basi puriniche (adenina e guanina costituenti degli acidi nucleici, xantina e ipoxantina precursori dell'acido urico).

Gotta: serie di manifestazioni patologiche riconducibili all'iperuricemia (artriti, tenosinoviti, tofi, nefropatie, nefrolitiasi). Il termine gotta deriva dal latino “gutta” (goccia) in quanto nella credenza popolare e nella medicina empirica si riteneva che la causa della malattia fosse la deposizione di gocce di un “umore” nelle articolazioni.

La gotta per tantissimo tempo è stata considerata malattia dell'abbondanza in quanto si manifestava prevalentemente tra i “ricchi”, gli unici a poter abusare di proteine di origine animale, e scompariva nei periodi storici caratterizzati da carenze alimentari; ai giorni nostri è ovviamente in ripresa, favorita anche dall'aumentata sedentarietà.

 

ALIMENTAZIONE E IPERURICEMIA

Non è stato dimostrato un rapporto diretto tra gotta e dieta iperproteica, a base di proteine di derivazione sia animale che vegetale, anzi di queste ultime alcune hanno una limitata capacità protettiva.

E' stato confermato il ruolo benefico del latte e dei suoi derivati che contengono una minima quantità di purine e lattoalbumina e caseina che hanno capacità uricosuriche.

Anche se queste ultime acquisizioni hanno in parte modificato l'atteggiamento del medico nei confronti di alcuni alimenti, una dieta per i soggetti iperuremici deve essere:

• in ogni caso a basso tenore di purine

• ipolipidica, ipoglicidica e lievemente ipocalorica, infatti l'incremento ponderale e gli eccessi alimentari possono scatenare crisi gottose

• priva di alcolici, mentre sono concessi tè e caffè

• ricca di acqua, specialmente oligominerale, per favorire l'eliminazione urinaria dell'acido urico.

• povera di zucchero e fruttosio; bisogna ricordare che il fruttosio è presente, oltre che nella frutta, anche in molti dolcificanti e che sono sconsigliate le diete eccessivamente ipocaloriche (più che mai il digiuno prolungato).

 

CONSIGLI ALIMENTARI PER UNA DIETA A BASSO CONTENUTO DI PURINE (circa 100 mg/die)

 

 

ALIMENTI CONSENTITI

 

• pasta e riso non integrale, grissini, crackers, fette biscottate, cereali

• brodo vegetale

• latte e suoi derivati

• asiago, bel paese, crescenza, fior di latte, fontina, mozzarella, ricotta, scamorza

• barbabietole, bietole, broccoli, carciofi, cardi, carote, cavolini di bruxelles, indivia, insalata, lattuga, patate, pomodori, rape, zucca, olive

• albicocche, arance , ciliege, mele, melone, pere, pesche e tutta la frutta fresca non proibita, noci

• uova

• olio d'oliva; burro e margarina solo in piccole quantità

• aceto

• acque oligominerali

 

 

ALIMENTI DA ASSUMERE CON MODERAZIONE

 

• asparagi, cavolfiore, fagioli, funghi, lenticchie, piselli, spinaci

• carne bianca, pollame e pesce

• spigola, carpa, cernia, luccio merluzzo, nasello, palombo, sogliola, rombo, trota 

• vino bianco o rosso poco alcolico in quantità ridotta

• tè e caffé leggeri

 

 

ALIMENTI DA EVITARE

 

• brodo di carne

• sughi di carne

• formaggi grassi e fermentati

• acciuga, anguilla, aringa, cefalo, crostacei, mitili, sarago sarda, sardina, sgombro, tonno, triglia uova di pesce

• anatra cervello, cuore, fegato lepre, oca, maiale piccione, rognone, selvaggina, trippa, estratti di carne

• salumi, insaccati e alimenti conservati

• asparagi, cavolfiore, lenticchie, funghi secchi, melanzane, peperoni, piselli

• castagne, cocomero, datteri, nespole, mandorle, prugne, frutta secca,

• olio, strutto, lardo, cucinati o fritti

• salse aromatiche o piccanti

• tè e caffé forti

• vino a elevato tasso alcolico, birra, liquori

 

Vuoi tornare a stare bene con il tuo corpo? Affidati alla consulenza dei nostri nutrizionisti a Roma per una dieta equilibrata adatta alle tue esigenze!

Richiedici informazioni

1000 caratteri rimanenti